Le case bianche - Giovanelli Edizioni

Vai ai contenuti

Menu principale:

Collane > Taima
 

 
Nessun commento
 

Un racconto autobiografico che parla delle case in cui ho vissuto e che ho attraversato per brevi, più lunghi periodi. Un viaggio sul filo della memoria cui è affidato il compito della ricostruzione della mia identità di donna dispersa in mille frammenti.. Una storia che porta in primo piano avvenimenti familiari e sociali degli anni cinquanta, sessanta, mescolati a quelli più intimi della mia esistenza. Il sentimento, inteso nel senso più ampio della parola come amore, inquietudine, incertezza, illusione, delusione, speranza, è il vero protagonista del libro. La mia persona, assimilata a quella dei personaggi qui descritti, è tesa alla ricerca della felicità, vagheggiata, spesso aleatoria. Il ritorno al paese, lasciato in gioventù, l'approdo tranquillo, dopo un'esistenza inquieta. Nessun cedimento al pessimismo. L'immaginazione sostenuta dalla bellezza e dall'energia dei luoghi dell'infanzia fa presagire la speranza di una possibile serenità. Il futuro, il passato e il presente si fondono in queste pagine in un'armonia di sentimenti che scivolano pian piano nei ricordi che consolano e aiutano a superare il cambiamento, senza rimpianti.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu