Cool
Vai ai contenuti
Collane > Donoma

Nessun commento

Odette è una donna sola che proprio alla fine della sua vita è costretta a vagabondare per le strade di Parigi, conosciuta da tutti con il nome di Mme fleuri per il suo cappello blu con tre fiori colorati. Dopo la morte di sua figlia e l’affidamento a un’altra famiglia della nipotina Vivienne, non riesce più a dare un significato alla sua esistenza, smette di lottare e quasi senza rendersi conto, un vecchio androne, gelido e dalle pareti muffe, diventa la sua nuova casa. Qui troverà anche una seconda famiglia, il randagio Pom Pom e il clown Bernard. Descriverà il rapporto cane randagio e barbone e la loro triste similitudine e poi il compenetrarsi della figura del clown sempre allegra e sorridente con l’uomo Bernard afflitto dal suo squarcio interiore che lo porterà a mollare tutto e chiudere con la sua vita passata non rendendosi conto dell’errore. Odette ci parla in prima persona della sua esperienza da senzatetto, ci descrive impressioni e sensazioni, difficoltà e umanità e lo farà senza rancore, con una dignità tale da farci capire quanto di buono possa scaturire anche dal più tragico dei destini. Ci accompagna in questo viaggio quotidiano e semplice, ci descrive passo dopo passo quello che prova, ci racconta la sua storia passata, il suo amore perduto e, di tanto in tanto, torna a essere donna e a immaginare la vita che ha perso. Poi un giorno, una favola, “La piccola fiammiferaia” di Andersen, preludio dell'ultima tappa della sua vita, in una fine dell’anno in cui faceva tanto freddo …

Torna ai contenuti